Questo sito può utilizzare cookies tecnici e/o di profilazione, anche di terze parti, al fine di migliorare la tua esperienza utente.

Proseguendo con la navigazione sul sito dichiari di essere in accordo con la cookies-policy.   Chiudi

Stefania Ometto

 

Caffé Culturale La Ribalta dal 2001 

Studio d’Arte e Compagnia di Prosa - Museo Rurale

Piccola Casa Editrice e Libreria Bar – Punto di Ristoro

 

 


 

Contatti

Piazza del Popolo, 16-14

56040 Casale Marittimo – Pisa

Telefono/Fax 0586.652361

Cellulare 334.1393706

caffecultlaribalta@tiscali.it

 

Studio d’Arte e Compagnia

Prove e Lezioni si tengono principalmente da Novembre a Marzo dopo le

ore h 15.00 dal Lunedì al Venerdì (escluso Martedì). Le lezioni, specie nel caso

di minori, vengono tutte video/audio-registrate, dietro preventivo consenso ed

autorizzazione degli interessati o tutori. Ogni tipo di esigenza artistica (preparazione

per provini o ruoli, grammatica di palcoscenico, preparazione tecnica-vocale, movimento,

indicazioni registiche, drammaturgia, fasi di allestimento, etc. etc….) verrà valutata

singolarmente. Ogni consulenza artistica è accompagnata da ricevuta fiscale e/o fattura.

 


La piccola Casa Editrice e la Libreria

Le opere sono consultabili ed acquistabili presso il Caffè ove si possono

presentare al pubblico con “Letture” eseguite dagli stessi Autori o, a richiesta, da

Stefania Ometto (solo in alcuni periodi dell’anno), da suoi allievi o altri professionisti

regolarmente inquadrati. Per ogni esigenza verrà studiato e stilato un preventivo di

spesa comprendente le singole voci che concorrono alla realizzazione del progetto.

Le edizioni saranno a tiratura limitata e numerata.

E’ offerta la possibilità di illustrare con disegni o fotografie le opere.

Così come è eventualmente disponibile un traduttore per la lingua Inglese.

Si curano progetto artistico ed impaginazione in linea con le esigenze dell’Editore.

La stessa progettazione è inserita in voce di spesa.

I diritti dell’opera restano all’autore.

E’ possibile promuovere libri di altre case editrici, autori del territorio, lasciati in conto

vendita, lo stesso vale per produzioni musicali riprodotte su cd.

Curriculum

Stefania Ometto 1968 – Creazioni Artistiche e Letterarie – Compagnia di Prosa. Lavora in teatro dall’88. Figlia di artigiani padovani, nasce a Gallarate (Varese), ma dal 1989 si trasferisce in Toscana dove in prevalenza studia e lavora. Dopo due anni di Teatro Ragazzi in compagnia al TDA di Varese, accede alla Bottega Teatrale di Firenze-Vittorio Gassman, per la quale frequenta ai Cantieri di Montalcino 1991 (Teatro Verdi - Pisa) studi del Centro Sperimentale di Cinematografia diretti da Francesco Maselli. Selezionata per la frequenza di diversi Corsi di Formazione/Specializzazione, sempre accedendo a borse di studio o in percorsi sostenuti da Regione Toscana (Comunità Europea), Province di Pisa, Siena, Livorno sin dai progetti Atelier della Costa Ovest “Abitare il teatro-Teatri recuperati e progettualità”che vedono il recupero dei tanti teatrini sparsi sul Territorio toscano per la loro attivazione quali residenze artistiche incentrate sui versanti del lavoro per il Territorio, la Ricerca e quello dell’Accoglienza verso un Turismo Culturale ed anche Enogastronomico, lavora così in proposta di spettacolazione nei siti archeologici e parchi (Rocca di San Silvestro-Campiglia M.ma), negli spazi alternativi dei borghi toscani (Festival di Montalcino), nelle collaborazioni internazionali stabili Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano. Si cimenta nei generi Classico, Sperimentale e Contemporaneo. Attrice, autrice, regista, insegnante dal 1996 delle varie discipline per la scena in Istituti ed Enti in prevalenza, nel 2012 stabilisce una piccola “sala prove” al suo Caffé dove dal 2006 ha sede legale la Compagnia Teatrale. Altresì, artista versatile in diversi linguaggi espressivi poesia, prosa, pittura, fotografia, grafica. Ha studiato e lavorato con personaggi di rilievo nel panorama nazionale ed internazionale: Alschiz (Scuola d’Arte Drammatica di Mosca), Leo De Berardinis, Paolo Bonacelli, Franco di Francescantonio, Enrico Bonavera, Valter Malosti, Daniela Bonsch (Tanz Theater), Sadia Salvadori, Enrique Pardo (Roy Hart), Catharine Pantigny, Miki Matsuse, Yoko Wakabayashi, Sigmund Molik, Nanni Garella, Franco Però, Riccardo Sottili, Giancarlo Cauteruccio, Marco Giorgetti, Lorenzo Mariani, Paolo Pierazzini, Dario Marconcini, Andrea Buscemi, Emanuele Barresi, Amerigo Fontani ed altri. Per le produzioni di Occupazioni Farsesche-Firenze, Krypton-Firenze, Divina Laboratorio Teatro Settimo-Teatro di Dioniso-Torino, Atelier della Costa Ovest-Livorno/Pisa, Drama Teatri-Modena, Comune di Alassio ed altri. Dal ’92 produce lavori di cui cura drammaturgia e regia, nello stesso anno partecipa al “Premio Montegrotto Terme” curato dalla rivista teatrale Hystrio ed interpreta per il poeta milanese Roberto Mussapi “Voci dal buio”. Passa la selezione a Castiglioncello per studiare danza con l’Ensemble di Micha van Hoecke. Nel ’95 è invitata a “IL TEATRO DELLE DONNE”-Firenze (archivio nazionale di drammaturgia femminile) come giovane autrice-attrice con il monologo “La Settima Stanza” in cartellone insieme a: Judith Malina (Living Theatre), Dacia Maraini, Alda Merini, Lucia Poli, Lucia Poli, Athina Cenci, Laura Curino e altre. Con lo stesso partecipa al Festival Sant’Arcangelo dei Teatri per la Direzione di Leo De Berardinis e aPiccoli Fuochi-Buti per la Direzione di Dario Marconcini. Il compositore Detlev Glanert le dedica l’edizione della partitura (1994) “Musik fur Violine und Orchestr” eseguito dall’Orchestra della Rai, trasmesso su Rai Radio 3.

La si vede in trasmissioni televisive “Mixer” Rai 2, “Giorno di Festa” Rai 2, “Maurizio Costanzo Show” Canale 5. Per Enti-Associazioni, nel pubblico/privato, nei Circoli Didattici, nei Corsi di Formazione di Province insegna dedicando la sua esperienza alla creazione di percorsi di studi teatrali per l’Infanzia e le Scuole Primarie/Secondarie di I Grado. Sul territorio della Val di Cecina è stata chiamata per le sue competenze da: Atelier della Costa Ovest, Artimbanco-Scuola di Teatro Comunale di Cecina, Teatro Agricolo O del Montevaso, Daleth Concerti di Castagneto/Bibbona, Accademia Libera Natura e Cultura di Querceto, Comune di Casale Marittimo, Teatro dell’Anima. Dal 2003 al 2007 per i propri aggiornamenti segue percorsi di DanzaTerapia condotti da Maria Fux e Johan Dhaese, Counseling con indirizzo Psicologia Umanistica Transpersonale.

Nel 1999 nasce la figlia Alma.

Nel 2001 inizia un nuovo corso. Mette da parte la valigia e per stare accanto ad Alma apre il Caffé Culturale La Ribalta, il bar della piazza di Casale Marittimo che prende il posto del parcheggio. A lei poi si unisce il marito Marzio Arzilli, proveniente da una famiglia di ristoratori e creatori del Pane di Montegemoli. “La Ribalta” è pionieristica sul territorio. Sulla Piazza del Popolo, oltre agli anziani che giocavano a carte nel bar, con Stefania come Art-Director arrivano mostre, piccoli eventi dedicati al territorio, ai bambini, alla musica nell’ottica di dare visibilità, continuità e servizio culturale. Uno spazio per artisti amatoriali e professionisti. Dal 2003 al 2007 collabora per l’ospitalità del gruppo tedesco Quadro Nuevo. Dal 2005 il locale è luogo scelto per location cinematografiche/televisive (“Quelli che il calcio…” Rai 2, spot pubblicitari). Nel 2006 fonda “La Compagnia del Caffé Culturale La Ribalta” col percorso di studio e l’allestimento de “L’Arte del Poeta” presentato al CinemaTeatroLux di Pisa e Rassegna Piccoli Fuochi di Buti/Pontedera. Nel 2008 è Ideatrice e Direttore Artistico di TEATRAMA, con l’occasione crea la prima struttura di Rassegna stabile interagendo con l’organico del Comune di Casale Marittimo seguendo gli indirizzi per i piccoli teatri toscani, inserendo inviti a Teatro con i bambini dell’Istituto Griselli per l’Assessorato all’Istruzione. La Rassegna viene sostenuta anche da privati. Ivi produce “Sette Tigli” dedicato al poeta Giovanni Giudici, con Claudio Puglisi (ex-docente alla Bottega di Gassman) e Dario Marconcini, accompagnati dal violoncellista Vittorio Ceccanti. Nel progetto in rassegna è ospitata “La Piccola Bottega Teatrale” capitolo della sua Compagnia teatrale destinato ai laboratori e con alcuni bambini raccoglie e divulga storie, tradizioni e cultura del Territorio della Val di Cecina con l’opera-video “Core Memore” patrocinato dalla Provincia di Pisa e dal Comune. Nell’arco di due anni, il padre restaura in modo conservativo gli spazi con la struttura completa di Archeologia Industriale datata 1923 di un Frantoio, concessa alla visione dalla storica Famiglia Cancellieri ove trova sede lo Studio d’Arte aperto al pubblico per le visite. Negli anni le iniziative sono state gratuite.

Nel 2009 la figlia Alma, sempre accanto nei suoi impegni teatrali locali e sua preferita “assistente alla regia”…insomma “figlia d’arte”, debutta nel cinema accanto a Silvio Orlando e Cristiana Capotondi, per la regia di Carlo Mazzacurati, in “La Passione” che viene presentato al Festival del Cinema di Venezia 2010. Nello stesso anno, la rivista “Dove” del Corriere della Sera mostra e segnala il Caffé Culturale La Ribalta all’interno di un ampio articolo sul turismo della Costa Etrusca. Negli anni, arrivano altri ristoranti ed altri operatori culturali a Casale Marittimo, così “La Ribalta” diviene sempre più luogo d’affezione e si mantiene unico per la sua accessibilità ad un pubblico eterogeneo, per nulla mondano o di nicchia, racchiude tradizione e creatività.

Nella Primavera del 2011 per far fronte al drastico restringimento dell’area di suolo pubblico, su cui si basa il lavoro del Caffé nell’accoglienza ai gruppi turistici provenienti ormai da tutto il mondo per visitare le sue originali caratteristiche, si destina parte del piccolo “museo-studio” all’accoglienza degli avventori che numerosi continuano a giungere.


 

 

 

 

 

 

Tags: -